Cambia Lingua

itenfrdeptes
Strazza_top.jpgAntoni_Clave_Top_1983.jpgMulas_Top.jpgLe_candide_di_VoltaireTOP.jpg

Indice articoli

Dopo Vollard, Teriade, “Les Bibliophiles du Palais”, le “Éditions du Rocher”, le “Éditions De L’Herne”, “Maeght Èditeur”, “Les Imprimeries Mourlot” e la “Casa editrice Julius Bard”, otto grandi editori del Novecento, entra sulla scena lucana, l’editore Paul Cassirer (Berlino 1871 – Berlino 1926). Nella fase iniziale dell’arte moderna Paul Cassirer, noto collezionista tedesco,  fu uno dei maggiori promotori d’arte a Berlino. Qui fondò una galleria d'arte e una rivista, entrambe con sede al primo piano della propria casa presso Viktoriastrasse al n°35. Grazie alla sua attività promosse e fece conoscere artisti come Lovis Corinth, August Gaul, Ernst Barlach, Oskar Kokoschka e Max Liebermann. Nel 1909  divenne proprietario di una casa editrice, con la quale pubblicò opere divulgative in favore degli artisti dell'Espressionismo e delle altre avanguardie artistiche dell'epoca. Aspetto importante della sua attività editoriale fu coniugare l’arte figurativa e la letteratura. Le immagini non dovevano essere ammirate solo come decorazione dei testi, ma anche come opere d’arte a se stanti. Nacquero così veri e propri capolavori dell’arte libraria, non ultimo questo di Pechstein, frutto di un viaggio, compiuto nel 1914, e per la prima volta esposto in Italia.

In controcanto, come è già avvenuto per Renoir - Gentilini, per Bonnard - Strazza, per Matisse – Accardi, per Dufy – Ciarrocchi, per Picasso – Consagra e per Calder – Melotti, il MIG, mediante le 50 puntesecche tratte dal volume “Croquis du front italien”, edito a Parigi nel 1917, si propone di segnalare, con Anselmo Bucci (Fossombrone 1887 – Monza 1955) pittore, incisore e scrittore, quanto gli italiani abbiano studiato gli artisti europei. La raccolta “Croquis du Front italien” è una tra le opere più significative elaborate in seno alla Grande Guerra. L’artista-soldato, mobilitato nel Battaglione Lombardo V.C.A, ha rappresentato, in questa raccolta, un segmento della propria storia personale e al contempo della storia collettiva italiana. I numerosi studi che realizzò nel corso di queste operazioni, dando sfogo all’impetuoso desiderio che lo spingeva a “indefessamente disegnare” (come di lui ebbe a dire Marinetti nel periodo in cui erano di stanza a Peschiera), costituirono i modelli preparatori da cui trasse gran parte delle stampe alla puntasecca dei “Croquis”. Si trattava di una tecnica di cui aveva già sperimentato le possibilità segniche e formali nelle serie francesi e che prediligeva, poiché gli consentiva di lavorare direttamente sulla lastra, senza passaggi intermedi, senza l’impiego di acidi, con la sola forza della mano. Dell’impeto ispiratore che lo aveva spinto a trascrivere l’avvicendarsi dei casi (dalle situazioni terribili, insidiose, agli attimi tesi e sfibranti, alternati alle pause tranquille e rilassate, ai momenti di stasi dopo lunghe marce forzate), si conserva traccia nella differente qualità del segno, spesso pervaso da un forte dinamismo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Orari dei Musei

Orario Museo
Giorno Orario
Martedì - Domenica  17:00 - 20:00
Aperture straordinarie e visite guidate per
gruppi e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
 
Giorno Orario
Martedì - Domenica 17,30 - 20,30 (ultimo ingresso 19,00)
Aperture straordinarie e visite guidate 
per gruppi (minimo 5 persone)
e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
Per maggiori informazioni, costi e per prenotare
le visite guidate contattare 
la segreteria al numero 0973-835014 
o scrivere a mig-biblioteca@libero.it

O

R

A

R

I

 

D

E

I

 

M

U

S

E

I

2013 - 2017 By Gennaro Chiorazzo with Pino Di Sario