Cambia Lingua

itenfrdeptes
Le_candide_di_VoltaireTOP.jpgStrazza_top.jpgAntoni_Clave_Top_1983.jpgMulas_Top.jpg

MIG - Facebook

Indice articoli

NATALE A CASTRONUOVO SANT’ANDREA
MAX PECHSTEIN
E LE IMMAGINI DEL VIAGGIO IN ITALIA E NEI MARI DEL SUD
I bozzetti della Grande Guerra di Anselmo Bucci
IL PRESEPE DONO DI GIUSEPPE PIROZZI

Due giorni di grande cultura nel piccolo paese del Parco del PollinoSabato 14 dicembre 2013, alle ore 18.30, in Castronuovo Sant’Andrea, nelle sale del Museo Internazionale della Grafica e nella Biblioteca Comunale “Alessandro Appella” si inaugura la mostra dedicata a Max Pechstein,

che continua il lavoro di informazione iniziato il 20 agosto 2011 con la storia della grafica europea e proseguito con le personali di Mirò, Degas, Renoir, Bonnard, Matisse, Dufy, Picasso, Calder, Ben Shann e la Secessione di Berlino, accompagnati, rispettivamente, dalla mostra di Renoir in poi, dalla presenza in controcanto di un artista italiano: Gentilini, Strazza, Accardi, Ciarrocchi, Consagra, Melotti e Maccari.

Poiché il MIG convive con la Biblioteca, ogni incontro è all’insegna di “un libro, una mostra”. Questa volta tocca al volume “Reisebilder. Italien – Südsee”, pubblicato nel 1919  a Berlino dall’editore Paul Cassirer, composto da 50 litografie originali realizzate su pietra dall’artista tedesco Max Pechstein (Zwickau 1881 – Berlino 1955), dopo un viaggio in Italia e nei mari del Sud, con un segno libero e carico dell’intensa luce assorbita durante gli spostamenti.

Ancora una volta, è la città di Berlino e i suoi artisti ad essere al centro dell’attenzione. Città affascinante e magnetica, situata nel centro dell’Europa, Berlino nel primo decennio del Novecento si trasformò in una metropoli moderna e cosmopolita: nuovi quartieri, tram elettrici, fabbriche, locali, caffè, fecero da cornice a gran parte dell’operato dell’avanguardia artistica. Nel 1911 vi si trasferirono i fondatori della Brücke,  lasciando Dresda, e giunsero da Monaco, nello stesso anno, gli esponenti del Blaue Reiter. Membro della  Brücke dal 1906, Hermann Max Pechstein fu il primo del gruppo a trasferirsi a Berlino. Inizialmente lontano dallo stile degli altri artisti per via della sua formazione accademica, che lo portò, nelle sue prime opere, a fare un uso del colore non ancora autonomo ed a rendere i corpi in modo plastico, fu il primo artista al quale Paul Cassirer guardò quando coniò il termine “Espressionismo”, poi esteso a molte altre tendenze europee. A partire dagli anni della prima guerra mondiale, infatti, Pechstein cominciò ad approcciarsi alla pittura in maniera più immediata, accentuando il primitivismo ed il decorativismo ed usando un colore ricco, modulato e morbido in chiave completamente emotiva, quasi come se gli eventi avessero fatto nascere in lui un sentire totalmente diverso.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Orari dei Musei

Orario Museo
Giorno Orario
Martedì - Domenica  17:00 - 20:00
Aperture straordinarie e visite guidate per
gruppi e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
 
Giorno Orario
Martedì - Domenica 17,30 - 20,30 (ultimo ingresso 19,00)
Aperture straordinarie e visite guidate 
per gruppi (minimo 5 persone)
e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
Per maggiori informazioni, costi e per prenotare
le visite guidate contattare 
la segreteria al numero 0973-835014 
o scrivere a mig-biblioteca@libero.it

O

R

A

R

I

 

D

E

I

 

M

U

S

E

I

2013 - 2017 By Gennaro Chiorazzo with Pino Di Sario