Cambia Lingua

itenfrdeptes
Le_candide_di_VoltaireTOP.jpgStrazza_top.jpgAntoni_Clave_Top_1983.jpgMulas_Top.jpg

MIG - Facebook

Indice articoli

Evento Online

Martedì 8 dicembre 2020, alle ore 18.00, la Galleria Nazionale d‘Arte Moderna e Contemporanea accende il presepe d‘artista realizzato da Guido Strazza dal titolo Il Presepe Blu notte, a cura di Giuseppe Appella.

 

La presenza del presepe, documentata da un evento online, è accompagnata da musica e riflessioni dell’artista, che precederanno il momento significativo della sua illuminazione, un‘iniziativa nata e realizzata con l’APT – Agenzia di Promozione Territoriale della Regione Basilicata e con la collaborazione del Museo Internazionale del Presepio Vanni Scheiwillerdi Castronuovo Sant’Andrea (Potenza).

“La Galleria Nazionale e la Regione Basilicata lanciano un messaggio di speranza attraverso il “Presepe Blu notte di Guido Strazza” che lascia il Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” di Castronuovo Sant’Andrea (PZ) per introdurre, in giorni così terribili per tutti, al tempo dell’avvento e dell’attesa del Dio fatto uomo, il messaggio universale del presepio di Francesco, il santo della pace e della carità.

Nel Presepe Blu notte di Guido Strazza, sorto su un grande cielo suddiviso in cinque parti dove la stella cometa trova la sua luce accogliendola e diramandola fuori dal recinto di vetro, non ci sono figure ma forme geometriche, orme che hanno un loro punto di arrivo ma non rivelano il loro luogo di provenienza. Ne deriva una sorta di stupore metafisico, l’affermazione, costante dalla seconda metà degli anni cinquanta, di una logica rappresentativa divisa tra l’esprimibile e l’inesprimibile, in questo caso tra la storia, i suoi personaggi secondari, e la luce che annuncia una nascita trasmessa da un’altra luce, sottostante, tanto intensa da indurre al movimento, a portare il dono dell’andare, accogliendo “la speranza di stare insieme”. I Magi si muovono come pedine verso la luce, in perfetta consonanza con il colore e gli stati d’animo che l’una e l’altro sollecitano, tanto quanto le relazioni esistenti tra i personaggi-oggetto e l’enigma di quella Luce che blocca la notte e cancella il buio per spingerci a porre i nostri passi, in simbiosi, su quelli già resi stigma. L’immagine è sempre un elemento formale, anche quando si fa racconto attraverso linee di luce rese elementi vivificanti della notte. La luce, divenuta centro di una iconografia che si ripete da secoli, non è esterna al colore. Viene espressa “visivamente”, illumina “qualcosa di cui si è perduta memoria” o viene ripetuta senza avvertire il costante richiamo di una nascita che, ogni anno, d’improvviso, si rinnova come presenza“. Giuseppe Appella

L’inaugurazione prevede, in controcanto, l’esecuzione di un’opera composta per Matera Capitale Europea della Cultura 2019 dal maestro Georg F. Haas, uno dei principali compositori contemporanei, commissionata dal L.A.M.S. Matera e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019. Si tratta del quartetto d’archi, uno dei sei “quadri” della suite Musiche per Matera a cui lo scorso anno è stato assegnato il Premio Abbiati, e che il Giornale della Musica ha inserito tra i migliori 10 concerti di musica sinfonica del 2019. L’evento inaugurale riveste anch’esso un forte carattere simbolico: l’opera di Haas, infatti, è composta per essere eseguita e ascoltata in completa oscurità. L’accensione del presepe di Strazza, subito dopo l’esecuzione da parte del quartetto d’archi della scuola di musica L.A.M.S. Matera (Francesco D’Orazio, violino, Pasquale Lepore, viola, Nicola Fiorino e Giovanni Astorino, violoncelli), avrà quindi ancor più un significato di speranza da trasmettere a tutti: con la cultura, con l’arte è possibile superare l’oscurità di questo nostro tempo.

Arte contemporanea, musica e tradizioni lucane saranno, dunque, al centro dell’iniziativa di promozione della Basilicata che l’APT organizza con la Galleria Nazionale, in collaborazione con il Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” e con il Patrocinio dell’Accademia Nazionale di San Luca e dell’Accademia dei Virtuosi al Pantheon. Spiega il direttore generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale, Antonio Nicoletti: “L’iniziativa dell’APT si basa su alcuni fondamenti dell’offerta turistica lucana, a partire dal Natale come festa della nostra antica tradizione di accoglienza, che il presepe riassume simbolicamente nei suoi valori. Non è casuale, dunque, la presenza in Basilicata del Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” che accoglie 250 presepi di tutto il mondo, dal XVII al XXI secolo, e tra questi 30 presepi realizzati da noti artisti contemporanei”. Per il Presidente della Regione Basilicata, gen. Vito Bardi, “L’iniziativa ha un forte valore simbolico perché non si limita al singolo evento, ma vuole rappresentare la peculiarità dell’intera Basilicata, ricca di realtà culturali distribuite in paesaggi e borghi di straordinaria bellezza. Anche così dimostriamo che il 2019 di Matera e della Basilicata non è stato un episodio isolato: la nostra regione è custode di tesori d’arte inestimabili ed è in grado, in momenti come quello che stiamo vivendo, di lanciare messaggi di fiducia nel futuro e di coesione attraverso l’arte, la creatività e la cultura”.

Il Presepe Blu notte è accompagnato da un volumetto delle Edizioni della Cometa con una nota introduttiva di Giuseppe Appella, una Preghiera a Gesù Bambino di Guido Strazza, che verrà letta dall’attore Blas Roca Rey, e notizie biobibliografiche sull’autore.

L’accensione del presepe, l’esecuzione del concerto e la lettura della preghiera di Guido Strazza avranno luogo attraverso le piattaforme dei partner dell’iniziativa, il canale YouTube Basilicata Turistica e TRM Network.

La Galleria Nazionale ha attivato tutte le misure di sicurezza per assolvere gli obblighi previsti dal DPI.


Guido Strazza nasce a Santa Fiora (Grosseto) nel 1922 e inizia l’attività artistica nel 1942 con la partecipazione ad alcune mostre di aeropittura su invito di F. T. Marinetti. Si laurea in ingegneria nel 1946, ma ben presto abbandona la professione per dedicarsi alla pittura e inizia a viaggiare in America latina: Perù, Cile e Brasile. A Lima è tra i promotori di un’associazione di artisti architetti che progettano la ricostruzione della città di Callao distrutta dal terremoto. Comincia poi a interessarsi di incisione. Nel 1954 rientra in Italia e avvia la sua attività a Venezia. Nel 1957 si trasferisce a Milano e successivamente a Roma (1963), dove tuttora risiede. Prendono forma in questi anni le lunghe pitture in rotolo e gli studi sulle metamorfosi delle forme su temi quali il “Paesaggio”, i “Balzi rossi” esposti a Milano nella Galleria del Naviglio (1956) e nella Galleria dell’Ariete (1958), e i “Paesaggi olandesi” esposti ad Amsterdam nello Stedelik Museum (1961).

Per approfondire il linguaggio dell’incisione a Roma frequenta i laboratori della Calcografia Nazionale aperti agli artisti da Maurizio Calvesi (1964-1967). Nel 1968 partecipa alla XXXIV edizione della Biennale di Venezia presentando i risultati della ricerca sul segno-luce (immagini su schermi mobili trasparenti) e sul rapporto luce-geometria poi sintetizzato nel ciclo “Ricercare” (1973). Dal 1974 si dedicar alla didattica dell’incisione su invito di Carlo Bertelli e prosegue la ricerca di gruppo sul segno (1976) dalla quale scaturisce la pubblicazione “Il gesto e il segno” e le mostre: “Trama quadrangolare” (Milano, Palazzo Reale 1979), “Cosmati” (XLI Biennale di Venezia, 1984). Nel 1988 l’Accademia dei Lincei gli conferisce il Premio Feltrinelli per la Grafica e nel 2003 quello per l’incisione. Grandi mostre antologiche delle opere dal 1941 al 1999 e delle incisioni sono organizzate a Palazzo Sarcinelli di Conegliano (1999) e alla Calcografia Nazionale (1990). Nel 2001 partecipa alla mostra “Novecento” alle Scuderie Papali del Quirinale. Nel 2002 riceve in Campidoglio il premio “Cultori di Roma”, nel 2017 la Galleria Nazionale d’Arte Moderna gli dedica una mostra antologica. Ha insegnato presso la Calcografia Nazionale, l’Accademia di belle Arti de L’Aquila, la Wesleyan University (Connecticut), l’Accademia di Belle Arti di Roma, della quale è stato anche Direttore. Accademico della Koninklijke Accademie van België, è membro dell'Accademia Nazionale di San Luca dal 1997 e nel biennio 2011-2012 ne è stato il Presidente.

Info pubblico

Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Viale delle Belle Arti, 131
00197 Roma Tel. +39 06 3229 8221
lagallerianazionale.com #GalleriaNazionale
Ufficio stampa Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| T +39 06 322 98 307/308/328
Ufficio Comunicazione APT Basilicata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel +39 0971 507611 www.basilicataturistica.com
Ufficio stampa Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller”
Anna Cosentino 347 0852877 – Pino Di Sario 340 344 6698
www.mig-biblioteca.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.- #museodelpresepio
Facebook https://www.facebook.com/MIGbiblioteca?fref=ts

Attachments:
Download this file (GNAM-APT, Presepe blu notte di Guido Strazza. INVITO.jpg)INVITO[INVITO]659 kB

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Orari dei Musei

Orario Museo
Giorno Orario
Martedì - Domenica  17:00 - 20:00
Aperture straordinarie e visite guidate per
gruppi e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
 
Giorno Orario
Martedì - Domenica 17,30 - 20,30 (ultimo ingresso 19,00)
Aperture straordinarie e visite guidate 
per gruppi (minimo 5 persone)
e scolaresche su prenotazione
Giorni di chiusura: ogni lunedì, 1 gennaio, 25 dicembre, Pasqua
Per maggiori informazioni, costi e per prenotare
le visite guidate contattare 
la segreteria al numero 0973-835014 
o scrivere a mig-biblioteca@libero.it

O

R

A

R

I

 

D

E

I

 

M

U

S

E

I

2013 - 2017 By Gennaro Chiorazzo with Pino Di Sario